Articoli,  Tornei

Legacy Journey: Loaming through Leagues pt.2

VITTORIA! Dopo un intenso scontro durato tutta l’estate, sono riuscito ad accaparrare lo slot per l’ Italian Invitational, insieme al mio rivale di lega che per un pelo ha ottenuto il secondo slot (la media di 19.7 giocatori è risultata sufficiente); in questi mesi ho incontrato una varietà enorme di mazzi , testando molti matchup e decidendo l’impostazione che volevo dare al deck tramite le scelte flessibili in side e mainboard. Ho avuto la fortuna di entrare in contatto tramite una chat Facebook con altri giocatori di Loam,tra cui Niklas Kronberger (inventore del mazzo) Bob Huang (noto pro membro di Channel Fireball) MatsOle ( il miglior player del mazzo sulla piazza) e molti altri colleghi dedicati. A lungo abbiamo discusso le scelte che potessero aggredire il meta nella maniera più efficiente, calcolando i cambiamenti che il Legacy ha subito dopo il terremoto dell’ultimo Ban.

 

 

Le Mie Buone Ragioni

Ci sono stati diversi svolgimenti interessanti per quanto riguarda l’ambiente Legacy negli ultimi tempi, che hanno parecchio stravolto gli equilibri portando una ventata di novità, secondo il mio  modesto parere. Durante il ProTour è esploso Ub Shadow, che ha sostanzialmente spinto fuori diversi combo dalla fascia tier 0 che si temeva avrebbero raggiunto senza Deathrite Shaman: nello specifico, le vittime più colpite da questo ingresso sono state Show and Tell in primis (fortunatamente) e parzialmente reanimator. Storm si gioca di meno al momento, principalmente per l’assenza di Gitaxian Probe , ma continua a fare risultato insieme a Turbo Depths,Elves e Infect.
In questi scenario fair, i mazzi control si sono prepotentemente imposti come tier del formato, Grixis è il mazzo da battere del momento , seguito da Miracles ; a questo schieramento si è opposto un aumento di mazzi a base Eldrazi,sia piccoli che grandi.Le mie buone ragioni per giocare 4c Loam è che nelle mie 75 posseggo tutti gli strumenti per battere OGNUNO di questi mazzi consistentemente, con un po’ di fortuna e abilità.

 

Nuovo Meta, Nuove Armi

Per affrontare uno scenario del genere, bisogna avere l’accortezza di decidere le modifiche corrette da effettuare per avere la miglior performance possibile; dunque essendo un mazzo in quattro colori abbiamo una quantitá enorme di opzioni papabili, persino carte che nessuno si aspetterebbe di vedere nel formato attualmente.

Vindicate

Questa carta è stata una piacevolissima sorpresa per me appena l’ho provata; ero scettico sui suoi utilizzi (pensavo fosse solo un Abrupt Decay meno forte) ma vendicarsi su una terra base smonta spessissimo i mazzi control che pazientemente giocano intorno a Wasteland , conoscendo il nostro motore. Oltre alla possibilità di fare Sinkhole sulle terre nemiche,  permette anche di sbarazzarsi di permanenti molesti quali Jace, The Mind Scupltor e Gurmag Angler e uccidere cose random che l’avversario ci potrebbe proporre senza alcun malus.

 

Nissa, Vital Force

ebbene un’altro grande pregio di questo mazzo è la possibilità di giocare carte che non sarebbero destinate al tipo 1.5. Nello specifico,nonostante il costo restrittivo, Nissa sostanzialmente devasta qualsiasi matchup che va per le lunghe una volta risolta: permette di alzare la sua lealtà aggredendo l’avversario con 5/5 ogni turno , dandoci la possibilità di polverizzare anche i planeswalker nemici con delle banalissime terre, ci offre la possibilità di recuperare minacce dal cimitero (riprendere Ajani Vengeant dal cimitero dopo la dragata?) e volendo di utilizzare l’ultima abilità il turno dopo che entra per pescare una quantità impressionante di carte extra (semplicemente facendo Life from the Loam per fetch). Non vi dico poi che soddisfazione vincere con questa bellezza sul campo!

Garruk Relentless // The Veil Cursed

Per quanto possa apparire intrigante, garruk ha il grande difetto di non poter aumentare la propria loyalty, rendendolo costantemente soggetto a rimozioni a base rossa ( Kolaghan’s Command  e Lightning Bolt). Contro miracoli è discretamente forte, anche se raramente ci viene permesso di girarlo da lato nero in quanto non lo faremo mai scontrare con creature: questa abilità è particolarmente forte contro mazzi che presentano minacce a bassa forza (delver, dnt) tuttavia nel meta attuale non trova grande uso per colpa della presenza di Death’s Shadow e Gurmag Angler in molti mazzi.

Queen Marchesa

Carta super interessante, sposta il gioco su un asse rispetto al quale ci muoviamo bene. Analogamente a Palace Jailer, forza l’avversario a trovare il modo di acquisire monarca e soprattutto di farlo attraverso Marchesa stessa più la quantità non indifferente di removal che abbiamo nelle 75; a questo si aggiunge anche il fatto che spesso molti mazzi giocano poche creature specialmente se hanno Snapcaster Mage nelle loro liste (grixis control e Miracles).Marchesa è molto restrittiva per quanto riguarda il costo (tre colori di cui nessuno è il verde e un convertito totale pari a 4, motivi per cui non è ancora nel mio mazzo) ma vale tutta la fatica nei matchup di attrito: deathtouch e haste rispettivamente hanno funzioni difensive e offensive (fare trade con creatura attaccante oppure uccidere un Jace appena entra nel campo di battaglia) e le pedine ci aiutano a recuperare un passaggio di corona prima che sia troppo tardi.

 

Vediamo ora quale nuovi giocattoli  Ravnica ci ha regalato.

Knight of Autumn

In assenza di Blood Moon è un upgrade diretto a Reclamation Sage: può diventare un corpo da non sottovalutare, la possibilità di spaccare incantesimo e artefatto con l’opzione recupero vite è esattamente forte contro matchup come burn ,visto che ci permette di distruggere Sulfuric Vortex o di annullare un eventuale Fireblast e bloccare. Finché nel meta ci sarà Back to Basics al posto di luna, possiamo sostituire la saggia con questa splendida cavaliera!

Assassin’s Trophy

Questo nuovo istantaneo è sulla bocca di tutti, quindi è necessario parlarne; per quanto penso che sia una carta forte, sono anche convinto che vada dosata soprattutto in un mazzo come il nostro. Comparato con Abrupt Decay ci offre più flessibilità ma rema contro il nostro piano di attaccare il mana e non ci permette di schivare interazione sulla pila; certo, la capacità di reagire a permanenti generici nei colori BG è da tenere assolutamente in considerazione (oltre all’opzione di pagare due mana per fare ghost quarter su una basica che l’avversario ha fetchato o distruggere la combo di dark depths a velocità istantanea) ma non ci possiamo permettere di scendere di numero con i nostri removal incounterabili. Attualmente nelle mie 75 Assassin’s Trophy ha preso  il posto di Vindicate (mantenendo tre Abrupt Decay per mazzi con Back to Basics o Daze) ma ancora non sono completamente sicuro, potrebbe essere Toxic Deluge lo slot da cambiare.

Vraska, Golgari Queen

In competizione con Nissa per il terzo slot in sideboard dedicato a planeswalker, Vraska per quattro mana ci permette di sidarla anche contro mazzi che aggrediscono le nostre terre (Dnt o Shadow) al contrario della sopracitata elfa. Una volta risolta ci fornisce una fabbrica di decay fino a che l’avversario non trova soluzione, abilità enorme contro miracles e contro le Liliane che i giocatori di grixis potrebbero proporci; sale rapidamente di lealtà permettendoci di riciclare qualche terra, Mox Diamond o Chalice of the Void al topdeck che potrebbero essere poco significativi, sostanzialmente dando ciclo ad ogni carta che peschiamo. L’ ultima abilità non è un granchè dato che la mettiamo dentro nei matchup in cui le creature durano poco, tuttavia ci permette di trasformare ogni creatura in una minaccia da risolvere; Dryad Arbor in particolare, diventa una macchina mortale sia tramite Life from the Loam (forzando risposta ogni turno) o trasformando una fetch in uno Sneak Attack letteralmente.

 

La fortuna di giocare in quattro colori è quella di avere delle potenziali inclusioni praticamente in tutte le nuove espansioni; aspetto con trepidazione di vedere se le gilde Orzhov Rakdos e Gruul ci possano regalare qualche aggiunta da mettere nella prossima lista. Si chiude qui la serie in due capitoli dei miei articoli su 4c Loam, nelle prossime occasioni mi dedicherò maggiormente ad altri mazzi o analisi generiche sul Legacy.

Alla prossima,

Gian Marco Pagano

Giocatore di Magic dall'uscita di Mirrodin, fanatico del Legacy, alterer nel tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *